Friuli-Venezia Giulia: itinerari di viaggio, idee e consigli utili - il Vagamondo

MENU
MENU
Vai ai contenuti

Friuli-Venezia Giulia: itinerari di viaggio, idee e consigli utili

Trieste statua Joyce

Friuli-Venezia Giulia: , e .



Cosa vedere in Friuli-Venezia Giulia

Terra di confine, crocevia di popoli, culture e commerci, la storia delle sue città risplende, per incantevoli week-end, alla scoperta dei secoli passati. Trieste affacciata sul mare, Udine, gioiello del Friuli, Pordenone e i suoi portici e Gorizia con i suoi viali verdi e il grande castello: i quattro capoluoghi di provincia del Friuli Venezia Giulia offrono ricche sorprese al viaggiatore in ogni stagione, oltre ai numerosi i borghi tipici, piccole perle d'arte tutte da scoprire. Ottima la cucina, prevalentemente di terra, con incursioni nella cucina di mare per la presenza della costa adriatica.

La montagna del Friuli-Venezia Giulia è un'esperienza unica dove puoi vivere la neve come più ti piace, inseguendo la pace di angoli tutti per te. Trovi piste curate e mai affollate a innevamento programmato, impianti moderni e veloci. Puoi praticare lo scialpinismo, lo snowboard e fare le passeggiate con le ciaspole con numerose escursioni guidate alla scoperta di candidi paesaggi ed escursioni con il gatto delle nevi.
La riviera adriatica del Friuli-Venezia Giulia è caratterizzata da un alternarsi di lunghissime spiagge di sabbia e di tratti carsici con scogli rocciosi. Lagune, spiagge di sabbia, scogli, ottimi vini, un vasto programma culturale e numerose località balneari famosissime, come Grado e Lignano Sabbiadoro, per vacanze rilassanti con un mare accogliente dove sventola la Bandiera Blu e infinite opportunità per divertirsi con sport d'acqua e l'animazione degli stabilimenti balneari.




Quando andare in Friuli-Venezia Giulia

Il clima del Friuli Venezia Giulia passa dal clima submediterraneo delle zone costiere a quello temperato più umido di pianure e zone collinari, fino al clima alpino in montagna.

La parte litoranea triestina è anche la più mite della regione, infatti, questo tratto di costa ha un clima tra i più secchi del Paese e, specie nelle minime, è di solito sensibilmente più mite del resto della regione.
La montagna friulana ha un clima più rigido e piovoso e i livelli altimetrici delle nevicate e della vegetazione sono più bassi che nel resto delle Alpi. Tuttavia è sui versanti meridionali dolomitici che troviamo alcune tra le zone più piovose d'Italia e d'Europa.




Cosa mangiare in Friuli-Venezia Giulia

L'enogastronomia e la cucina riservano al palato infiniti momenti di piacere grazie a specialità come il prosciutto di Sauris e i formaggi come il Montasio, da assaggiare assolutamente.

La gastronomia friulana e rappresentata da: Luganeghe, würstel, prosciutti affumicati, prosciutti tipo "Praga" e formaggi di latteria, come il liptauer, formaggio spalmabile piccante fatto con latte di pecora, il cui nome deriva dal tedesco Liptau, che fa riferimento alla regione ungherese del Liptó nel nord della Slovacchia, ex contea nell'Impero austro-ungarico. Da gustare inoltre, la gubana, squisita calda innaffiata con grappa friulana, lo strudel, il krapfen, i chifeletti, ottimi biscotti alle noci, la pinza goriziana, focaccia non esageratamente dolce, senza ripieno che di solito è preparata per le vacanze di Pasqua e accompagna splendidamente salumi appena affettati, il mandorlato al marzapane, le fave triestine, un dolce tipico dei mesi di ottobre e novembre perché simboleggiano la commemorazione dei defunti.
Tra i vini da degustare troviamo: i Vini del Collio e dell'Isonzo come il Riesling italico, il Riesling renano, il Malvasia, il Pinot Bianco, il Pinot Grigio, il Pinot Nero, il Sauvignon, il Traminer Merlot, il Cabernet franc, il Verduzzo friulano, il Terrano e il Refosco. Ottima anche la birra triestina. Ottima anche la grappa.


Buon viaggio!
tutti i post

Quella combattuta tra il 1915 e il 1918, che ha visto da una parte l'Italia, la Francia e la Gran Bretagna, con l'intervento finale degli Stati Uniti, e dall'altra la Germania e l'Impero Austro-Ungarico, chiamata la "Grande Guerra"...
by il Vagamondo / / / 11 lug 2019

il Vagamondo.it © 2019
ISCRIVITI  ALLA  NEWSLETTER
Torna ai contenuti